Articoli per temi | Motocarri

(1929-1930) Sport 14 tipo 107

modelli_1929-1930-Sport-14-Tipo-107

Nel 1928 apparve il primo motocarro sviluppato dalla Moto Guzzi, il Tipo 107, derivato dal modello Sport, a differenza del quale venne dotato di un freno anteriore a tamburo. Sopra l’asse posteriore erano fissate due balestre che non ammortizzavano il motore, ma solo il cassone. Motore monocilindrico orizzontale, quattro tempi Cilindrata 498,4 cc Alesaggio 88 mm […]

(1932-1939) Mototriciclo 32

modelli_1932-1939-Mototriciclo-32

Il Mototriciclo modello 32 fu costruito tra il 1932 ed il 1939 per le forze armate ed il mercato civile. La parte motoristica e del telaio anteriore derivavano dalla motocicletta GT 17; la trasmissione era a catena, con cambio a 3 rapporti. Il cassone raggiungeva i 300 kg di portata. Motore bicilindrico a V di […]

(1936-1939) Motocarro S

modelli_1936-1939-Motocarro-S

Nel 1934 era stata introdotta la serie S con il motore a valvole laterali in testa della Sport 15 ed il cambio a quattro marce della serie V: la stessa combinazione fu utilizzata per la versione da trasporto, che venne appunto denominata Motocarro S. L’asse posteriore, dotato di differenziale, montava cerchioni di tipo automobilistico, la capacità di carico […]

(1938-1941) ER

modelli_1938-1941-Motocarro-ER

Nel 1938 il motocarro ER fu dotato del motore derivato dalla serie V. Aveva tre marce in avanti e la retromarcia; freni a tamburo su tutte le ruote. La portata aumentò fino a 10 quintali. Motore monocilindrico orizzontale, quattro tempi Cilindrata 498,4 cc Alesaggio 88 mm Corsa 82 mm Potenza 17,8 CV a 4300 giri/min […]

(1940-1943) TriAlce

modelli_1940-1943-TriAlce

Il motocarro venne costruito dalla Moto Guzzi sulla meccanica dell’Alce, tra il 1940 ed il 1943, in 1741 esemplari per le forze armate in osservanza di una normativa di unificazione dell’epoca che imponeva la standardizzazione di motocicli, motocarrozzette e motofurgoncini a precisi parametri, in vista di una loro requisizione in caso di guerra. Fu impiegato […]

(1942-1945) Tipo U

modelli_1942-1945-Tipo-U

Il Tipo U del 1942 era una versione migliorata dell’ER, in osservanza di una normativa di unificazione dell’epoca (da cui, probabilmente, la denominazione “U”) che imponeva la standardizzazione di motocicli, motocarrozzette e motofurgoncini a precisi parametri, in vista di una loro requisizione in caso di guerra. Era dotato di riduttore finale del rapporto di trasmissione, […]

(1946-1947) Edile

modelli_1946-1947-Edile

Il carromotore Edile, posto in vendita nel 1946 assieme all’Ercole, somigliava ad un normale motocarro con cabina incorporata, ma la struttura era completamente diversa: una trave centrale collegava l’avantreno all’asse posteriore, senza la tipica impostazione motociclistica. Il conducente sedeva sul lato destro della cabina, il motore (classico monocilindrico da 500 cc) stava al centro, insieme […]

(1946-1980) Ercole

modelli_1946-1980-Ercole

Il modello Ercole fu introdotto a partire dal 1946 e rimase in produzione fino al 1980: decisamente più pesante dei predecessori a causa dell’aumentata capacità di carico, era dotato di trasmissione a cardano. Inizialmente montava il motore della serie V, con cinque marce avanti più la retro, mentre le ultime versioni erano equipaggiate con il […]

(1956-1971) Ercolino

modelli_1956-1957-Ercolino

Nel 1956 venne presentato l’Ercolino, equipaggiato con il motore da 192 cc del Galletto a raffreddamento forzato (sistema non presente sul motore originario della motocicletta). La prima versione aveva le ruote di trazione da 15″ e quella anteriore da 14″, ma dal 1959 furono adottate ruote da 10″ con una sezione più larga. L’avviamento era […]

(1960-1963) Autoveicolo da montagna 3×3

modelli_1960-1963-Autoveicolo-da-montagna-3×3

Alla fine degli anni Cinquanta il Ministero della difesa italiano richiese alla Moto Guzzi di sviluppare un veicolo speciale per il corpo degli Alpini, in grado di sostituire l’utilizzo dei muli per il trasporto in montagna. Lo sviluppo fu affidato ad Antonio Micucci ed in seguito elaborato da Soldavini e Giulio Cesare Carcano. Quest’ultimo aveva appena […]