Articoli

Giovanni Moretti

Giovanni Moretti (Tolentino, 1923 – Monza, 24 ottobre 1948) è stato un pilota motociclistico italiano.

Sin da piccolo sognava la carriera nelle competizioni motociclistiche e nell’immediato dopoguerra, poco più che ventenne, iniziò l’attività agonistica sulle orme del padre Primo, facendosi notare, oltre che come pilota, per essere un ragazzo buono e modesto, beniamino di tutti, ma nello stesso tempo temerario e coraggioso in pista.

Partecipò con successo a molte gare nella seconda categoria, sempre con la Moto Guzzi. Nel 1946 con una Guzzi 500 fu primo a Lodi e Macerata; l’anno successivo vinse a Luino, Varese, Alessandria, Asti, Macerata, Legnano, Reggio Emilia, Pallanza e Gornatte Olona.
Nel 1948 passò alla massima categoria, prendendo parte a gare di campionato a Firenze e Roma al fianco dei più grandi campioni del motociclismo italiano dell’epoca: conobbe avversari come Tenni, Balzarotti, Pagani, Bertacchini e Artesiani.

Le vittorie arrivarono a Monza e Bergamo con il Dondolino: la stampa specializzata lo ribattezzò “ol Joannì”, l’omino di Monza. Sempre nello stesso anno fondò un sodalizio sportivo che intitolerà “Moto Guzzi Club Primo Moretti” in memoria del padre.

All’appuntamento agonistico più importante, il GP delle nazioni a Monza, ebbe a disposizione la Moto Guzzi 500 bicilindrica appartenuta a Omobono Tenni, ma durante la corsa cadde alla curva di Lesmo per un guasto meccanico e morì, mentre stava tentando di recuperare lo svantaggio accumulato nelle soste ai box.

Era il 24 ottobre 1948.