Articoli

Giorgio Ripamonti

Giorgio Ripamonti (Mandello del Lario, 1883 – Mandello del Lario, 1955), detto Fereè, era un artigiano fabbro ferraio, esperto meccanico di motori ad olio pesante impiegati nelle imbarcazioni da trasporto merci sul lago di Como.

Fino ai primi anni del Novecento, infatti, gondole e comballi (le tipiche imbarcazioni del lago) avevano viaggiato con il solo aiuto dei venti o dei remi dei barcaioli. Le cosa cambiarono radicalmente con l’introduzione del motore: nell’attività di manutenzione, Ripamonti ebbe un discreto successo tanto che la sua officina era conosciuta in parecchie zone del lago di Como.

Insieme a lui, Carlo Guzzi costruì il primo prototipo di motocicletta monocilindrica di 500 cc a quattro valvole in testa, denominata allora “GP” (Guzzi-Parodi, ma per evitare confusione con le iniziali di Giorgio Parodi, i modelli successivi verranno siglati “Moto Guzzi”), alesaggio di 88 mm e corsa di 82 mm. La potenza erogata era di 12 cavalli, la velocità massima di 100 km/h.

In occasione del 90º anniversario dalla Moto Guzzi, l’Archivio comunale memoria locale di Mandello del Lario ha posto una targa ricordo nel luogo in cui sorgeva l’officina Ripamonti

La moto venne presentata ad Emanuele Vittorio Parodi, padre di Giorgio, il quale, dopo un primo prestito di duemila lire, concesse il finanziamento per la costituzione dell’azienda per la fabbricazione di motociclette.