Articoli

Dario Ambrosini

Dario Ambrosini (Cesena, 7 marzo 1918 – Albi, 14 luglio 1951) è stato un pilota motociclistico italiano.

La sua carriera iniziò al Circuito di Verona, dove nel 1939 vinse in sella ad una Benelli 250, moto con la quale – nello stesso anno – risultò vincitore anche a Roma, Terni e Spoleto. Passato alla Moto Guzzi nella stagione 1940, restò a Mandello del Lario sino al 1947.

Al termine della stagione ritornò a Pesaro, e con la 250 anteguerra aggiornata riuscì a vincere a Cesena, Lugano, al Gran Premio di Svizzera a Ginevra e in altre gare nazionali e internazionali.

Con la nascita nel 1949 del Motomondiale, le Benelli non si dimostrarono così competitive nei confronti delle Guzzi: Ambrosini riuscì a vincere solo l’ultima gara della stagione, a Monza, terminando l’annata al secondo posto nella classifica finale dietro a Bruno Ruffo.

Nel 1950, invece, Ambrosini riuscì a conquistare il titolo mondiale, vincendo il duello con Fergus Anderson su Guzzi Gambalunghino. Sempre nel 1950, Ambrosini conquistò anche il titolo italiano della classe 250 cc.

L’anno successivo, al terzo giro delle prove ufficiali del del GP di Francia ad Albi, la Benelli condotta dal pilota cesenate improvvisamente sbandò, scaraventando Ambrosini al di là di un fossato: l’impatto fu fatale.