Articoli

(1967-1969) V7

Il progetto di un motore bicilindrico a V fu sviluppato alla fine degli anni ’50 per applicazioni militari o automobilistiche dall’ingegner Giulio Cesare Carcano, che si avvalse della collaborazione del suo team di fiducia guidato da Umberto Todero. La richiesta della Polizia di avere un veicolo polivalente in grado di sostituire il Falcone, portò alla nascita del modello militare solo nel 1963. Il modello civile fu invece commercializzato a partire dal 1967: dopo l’uscita dall’azienda di Carcano, lo sviluppo venne seguito da Todero e dal nuovo acquisto aziendale, Lino Tonti. La prima versione della “V7” era dotata di un motore da 700 cc: si trattava di una classica moto da strada priva di orpelli particolari se non di un paracilindri cromato, ancora priva degli indicatori di direzione e di protezioni aerodinamiche. La lunga sella permetteva comodamente il viaggio in due persone, infatti fu molto apprezzata anche come moto da turismo, vista anche la buona velocità di crociera raggiungibile. Dopo due anni venne sostituita dalla V7 Special con motore maggiorato a 757 cc e diversi aggiornamenti meccanici e estetici.

Motore bicilindrico a V di 90°, quattro tempi
Cilindrata 703,3 cc
Alesaggio 80 mm
Corsa 70 mm
Potenza 40 CV a 5000 giri/min
Rapporto di compressione 9:1
Frizione a due dischi a secco
Cambio sempre in presa a quattro rapporti con comando a pedale
Trasmissione primaria a ingranaggi, secondaria ad albero
Telaio a doppia culla in tubi
Passo 1445 mm
Sospensione anteriore forcella teleidraulica
Sospensione posteriore forcellone oscillante con ammortizzatori teleidraulici
Pneumatici 4.00-18″
Freni a espansione: anteriore manuale a doppia camma e posteriore a pedale
Peso 230 kg
Velocità massima 164 km/h
Capacità serbatoio 20 litri

Documenti