Testimonial

Marco Travaglio

Il risultato è la scomparsa del talento, l'”involuzione autarchica del gusto”, il trionfo del “finto bello”, del fasullo, del provinciale, del mediocre. Nell’arte, nel design, nell’architettura, nell’industria. E dire che solo mezzo secolo fa l’Italia spopolava nel mondo grazie alla bellezza, all’originalità, al genio: la Vespa, la Guzzi, la Cinquecento, la Giulietta, l’Olivetti Lettera 22, la sedia Superleggera di Giò Ponti, le lampade Fontana e Castiglioni.